COME

Il percorso che vi attende è un percorso “deliberativo”. Si tratta di una modalità di partecipazione fondata su tre principi:

  • conoscere una questione prima di affrontarla,
  • discutere con chi la pensa diversamente da noi,
  • costruire insieme decisioni condivise, che tengano conto di diversi interessi e punti di vista e che non si basino semplicemente sul voto a maggioranza.

Il percorso è articolato in quattro fasi che, da settembre a dicembre, offrono ai cittadini interessati vari modi per partecipare al percorso con diversi gradi di impegno: dalla discussione sulle potenzialità dell’area Clessidra, all’elaborazione dei progetti, al voto delle proposte elaborate da altri cittadini, alla partecipazione alla fase di definizione degli interventi puntuali.

 

1. Ragioniamo su criticità e potenzialità dell’area Clessidra
La fase di discussione si svolgerà tra il 21 settembre e il 6 ottobre 2016 e prevede 6 incontri pubblici, aperti a tutti i cittadini interessati. Gli incontri saranno gestiti da facilitatori esperti di processi partecipativi che inviteranno i partecipanti a discutere di:

  • punti di forza e criticità attuali dell’area Clessidra,
  • rischi e opportunità di cui tenere conto nella progettazione degli interventi,
  • suggerimenti, spunti e idee per la progettazione degli interventi.

I facilitatori inviteranno inoltre i partecipanti a considerare con attenzione le suggestioni e le criticità segnalate dalle associazioni del territorio, che sono state consultate dallo staff del Laboratorio di Politiche dal mese di luglio fino a metà settembre. I resoconti dei suggerimenti e delle riflessioni delle associazioni sono disponibili a questa pagina.

 

2. Elaboriamo i progetti
Questa fase ha lo scopo di elaborare in modo condiviso diversi progetti “equivalenti” (ossia ciascuno di circa 500.000 euro, ugualmente utili per il contesto urbano e fattibili) per l’area Clessidra. I progetti saranno poi oggetto di un referendum finale riservato ai cittadini residenti in Circoscrizione 1. La fase di co-progettazione si svolge in 6 incontri tra il 27 ottobre e il 29 novembre 2016 ed è riservata a una “Commissione deliberativa”, che sarà guidata da facilitatori professionisti e potrà contare continuativamente sulle competenze della squadra del tecnici del Comune.

Screenshot from 2016-07-03 15:50:31

Alla Commissione si può partecipare in due modi:

  • in modo attivo e continuativo. In questo caso, chi si candida assicura la presenza a tutti gli incontri. La fase progettuale, assistita da facilitatori professionisti, necessita infatti di un lavoro di squadra e di pazienti fasi di discussione e confronto con funzionari ed esperti. Coloro che sono interessati a prendere parte alla Commissione con questa modalità, sono invitati ad avanzare la propria candidatura durante la fase degli incontri pubblici. Se le candidature raccolte superano 10 nominativi, la Cabina di regia ha il compito di estrarre a sorte 10 cittadini, eterogenei per sesso ed età. L’estrazione è fissata in seduta pubblica il 13 ottobre 2016 alle ore 17,30 nella sede della Circoscrizione 1, in via Bertolotti 10;
  • in modo più leggero. In questo caso, i cittadini esclusi dalla fase di estrazione e quelli interessati a contribuire in modo meno strutturato possono continuare a partecipare attraverso un canale di comunicazione con la Commissione chiamato “In linea” e disponibile su questo sito.
    Attraverso questo canale di comunicazione, tutti i cittadini possono tenersi aggiornati sui lavori della Commissione e presentare commenti e proposte che vengono portati sul tavolo degli incontri come spunti di riflessione per la progettazione.Screenshot from 2016-07-03 15:58:29

 

3. Votiamo un progetto per la Clessidra
La fase di voto serve a scegliere il progetto da realizzare nell’area Clessidra e si svolge nel periodo dall’1 al 21 dicembre 2016. Possono votare su questo sito tutti i cittadini residenti nella Circoscrizione 1 che abbiano compiuto 16 anni. La piattaforma di voto FastVoting è sviluppata da Marcello Torti, Sviluppatore di Web Application, il cui prodotto garantisce l’anonimato e la semplicità nella fase di votazione. Il Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino ospiterà un’installazione della piattaforma sui propri server assicurando la gestione dei dati dei cittadini secondo le normative in materia di trattamento dei dati personali.

Per favorire il voto di tutti, nei giorni lavorativi dello stesso periodo sono inoltre predisposte delle postazioni di voto cartaceo e assistito presso le seguenti sedi: Informa 1, (via Bertolotti 10 dal lunedì al giovedì 9 – 12.30 e 14 – 16. Venerdì 9 – 12.30), Centro Fab Lab Pavone (via Bellezia 19 dal lunedì al venerdì ore 15 – 18), Centro Polifunzionale (via Dego 6 dal lunedì al venerdì ore 18 – 21), Associazione Spazio Nuova Arquata (via Rapallo 20 dal lunedì al venerdì ore 15 – 18). I centri di voto, ad esclusione del Centro Polifunzionale di Via Dego 6, resteranno chiusi nelle giornate di giovedì 8 e venerdì 9 dicembre 2016. Per votare è necessario portare il codice fiscale e la carta di identità.
Anche in questa fase, è importante che tutti coloro che hanno partecipato al percorso del bilancio deliberativo diffondano le informazioni sui progetti e informino amici e conoscenti della possibilità di esprimere la propria preferenza per uno dei progetti in competizione.

 

4. Accompagniamo i progetti nella fase di realizzazione
Il progetto vincitore è inserito nel bilancio preventivo 2017 della città di Torino e da quel momento entra in una fase di progettazione esecutiva da parte degli uffici competenti del Comune. Anche in questa fase è importante proseguire il dialogo con i cittadini: le scelte di dettaglio della progettazione vengono quindi condivise all’interno di una nuova fase di confronto che si svolge a partire dal gennaio 2017. I dettagli di questa ulteriore occasione di confronto saranno disponibili sul sito www.bilanciodeliberativotorino.it e verranno comunicati via mail a tutti coloro che hanno preso parte a questa esperienza.